Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021

126

«Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore…»

Vogliamo contemplarlo così oggi il nostro Dio, chinato sulla nostra vita come un agricoltore sulla terra. Con la passione, la cura e la pazienza che l’agricoltore ha verso il seme, verso i suoi tempi, le sue esigenze, le sue fragilità, ma col pensiero fisso sui frutti belli che darà…

Tagliare ciò che è morto e potare ciò che porta frutto, sono due azioni dolorose e traumatiche per i rami…e forse anche per noi. Allora oggi vogliamo fissare quelle mani impastate di terra, della nostra terra che è la nostra vita e la nostra storia e chiedere al Padre di farci la grazia di abbandonarci alla sua opera di cura verso ciascuno di noi.


Fonte: La pagina Facebook dei “Frati Minori di Assisi”

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021
Articolo successivoEsegesi e meditazione alle letture di domenica 25 Luglio 2021 – don Jesús GARCÍA Manuel