Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 17 Luglio 2021

63

«Non contesterà né griderà né si udrà nelle piazze la sua voce. Non spezzerà una canna già incrinata, non spegnerà una fiamma smorta»

Nessuno di noi tiene in mano un cerino dalla fiamma smorta con la speranza che questa si riprenda, oppure rispettando quella poca luce che è capace di fare. Nessuno di noi non calpesta o spezza una canna inutilizzabile perchè piegata dal vento.

Beh la vita, talvolta per tanti motivi ci mette nella condizione di sentirci come quel cerino o quella canna, ma per fortuna il Vangelo ci dice chi è realmente il nostro Dio. Non lo troveremo ad imporre con forza la verità, perché la verità si impone in quanto verità, non a forza di urla.

Dove lo troveremo? a tenere in mano quel cerino che siamo noi, guardandolo con tenerezza e rispetto, o a vegliare il nostro essere “piegati” da qualche evento e starci accanto, in silenzio, perché nessuno ci “spezzi” del tutto.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 17 Luglio 2021
Articolo successivodon Claudio Doglio – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2021