Frati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 15 Settembre 2021

47

Gesù disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!»

Ieri, nella croce, abbiamo contemplato la misura dell’amore di Dio per noi. Oggi la Chiesa ci fa fermare ai piedi di quella croce, con Maria Addolorata. Quasi a ricordarci che, come sanno bene le donne che hanno partorito, il dolore è l’altra faccia dell’amore.

Oggi ci vengono fatti due doni: il primo, essere affidati a Maria come figli, essere affidati all’amore più grande e più forte, quello di una madre verso il proprio figlio, tale è l’amore di Maria per ciascuno di noi.

Altro dono, ci viene affidata Maria come madre, quasi a ricordarci che l’amore è sentirsi custoditi ma è anche una chiamata a custodire le persone che ci vengono affidate. Diventa visceralmente nostro solo ciò che amiano e non solo ciò che è nato da noi.
Chiediamo a Maria, nostra madre, di insegnarci ad amare, a lasciarci abbracciare e custodire.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 15 Settembre 2021
Articolo successivoJavier Massa – Commento al Vangelo del 15 Settembre 2021