fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 9 Giugno 2022

73

- Pubblicità -

Gesù ci dice oggi che se la nostra giustizia non supera quella degli scribi e dei farisei non entreremo nel regno dei cieli. Ed è una affermazione molto forte questa: non entrerete nel regno dei cieli. Una affermazione che forse, proprio per il fatto che compare molte volte, ce la dimentichiamo.

Come uno di quei quadri che abbiamo nella nostra casa, a cui passiamo sempre davanti, ma senza mai alzare gli occhi per guardarlo, perché tanto è sempre lì, e per questo non attrae più la nostra attenzione. Ma se noi ci fermiamo un attimo e prendiamo su serio questa affermazione: non entrerete nel regno dei cieli.

Ci accorgiamo che non è affatto una cosa da poco, anzi è una cosa di massima importanza. Non tutti entreremo nel regno dei cieli, e chi si preoccupa della propria salvezza e della salvezza degli altri non è affatto da biasimare, anzi, è una persona saggia. Certo è vero che Dio ci ama, ma la salvezza dipende anche dal modo in cui noi rispondiamo a questo amore.

Lo so che non è di moda parlare dell’inferno, ma tutte le mode passeranno mentre la Parola di Gesù resterà stabile per sempre. Noi, da parte nostra, facciamo il possibile per vivere sempre nella parola di Gesù.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 9 Giugno 2022
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 9 Giugno 2022