fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2022

121

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Domenica 29 Maggio 2022 – VI Settimana di Pasqua

Questa è la pagina che conclude il vangelo di Luca ed è davvero una bellissima conclusione. Gesù, per l’ultima, volta ricorda ai suoi discepoli gli scritti dell’Antico Testamento e ci spiega che tutto ha trovato compimento nella sua passione e risurrezione.

Ma spiega anche che questa non è la fine, si è vero che tutto è compiuto, ma è anche vero che il tempo continua ad andare avanti, e non c’è giorno in cui non venga alla luce una nuova generazione di bambini, ogni giorno la società si rinnova, e anche la missione che abbiamo ricevuto di essere testimoni di Gesù si rinnova. Gesù ci riveste di potenza dall’alto, per essere capaci di compiere la nostra missione, e se solo noi fossimo capaci di lasciarci trasformare dalla potenza e dalla sapienza dello Spirito Santo, nemmeno possiamo immaginarci quello che potremmo diventare, quello che saremmo capaci fare.

Gesù ci affida una missione immensa e stupenda, e ci dà anche le forze per compierla. E prima di salire al cielo Gesù ci lascia la sua benedizione. E i discepoli con grande gioia stavano sempre nel tempio lodando Dio. Davvero Gesù ha compiuto quello che aveva promesso, aveva infatti promesso ai discepoli che gli avrebbe donato la sua gioia, ed ecco che mentre Gesù sale al cielo i discepoli sono pieni di gioia.

E anche noi vogliamo gioire con gli apostoli per la risurrezione di Gesù, per la sua ascensione, per il dono dello Spirito santo, e per la missione di essere suoi testimoni in questa generazione.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 29 Maggio 2022
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2022