fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022

74

- Pubblicità -

Ma si può vivere senza giudicare? Dipende cosa si intende per giudizio, se vogliamo vivere senza condannare la risposta è sì, certo che possiamo vivere senza condannare nessuno, ed è proprio questo che Gesù ci insegna oggi. Ma se volessimo vivere senza esprimere una valutazione sulle persone e sul mondo che ci circondano, questo non, non sarebbe possibile e non sarebbe nemmeno giusto.

Potremmo dire allora che Gesù non ci chiede di essere ciechi, ma di essere magnanimi, di avere un’anima grande, che non guarda all’altro dall’alto in basso, che non esprime giudizi sommari e spietati, che non cerca di scovare i difetti, ma piuttosto di favorire la pace e la comunione. Perché? invece ci viene tanto facile e quasi spontaneo guardare ai difetti degli altri? Perché ci distoglie da qualcosa che per noi sarebbe più difficile da fare, e più umiliante, vale a dire guardare ai nostri peccati e cercare di correggerli.

Ritengo che questo insegnamento di oggi, sia qualcosa che debba essere messo in pratica. Un po’ come quando guidiamo e sulla strada vediamo un segnale di divieto di accesso, e capiamo subito cosa significa, non è che sia necessario fermarsi per interpretarlo, bisogna semplicemente rispettarlo. Così anche noi cerchiamo semplicemente di attuare quanto ci viene chiesto: cerchiamo di liberare il nostro sguardo dalla trave dei nostri peccati, e non condanniamo mai nessuno.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022