fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2022

93

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Giovedì 2 Giugno 2022 – VII Settimana di Pasqua

Che bello, oggi Gesù prega proprio per noi, avendo in mente proprio noi, che ogni giorno ascoltiamo gli insegnamenti degli apostoli, e attraverso la loro testimonianza abbiamo creduto in Gesù. Gesù ha pensato a noi, e non ci ha considerati come gli ultimi arrivati, come dei figliastri, non siamo apostoli di seconda scelta, Ma tutti noi, con tutti i santi che ci hanno preceduto, e con Padre e con Gesù e con lo Spirito Santo, siamo una cosa sola, formiamo un solo corpo.

Quando nel credo diciamo: Credo nella chiesa, UNA santa e cattolica, intendiamo dire proprio questo: tutti noi che attraverso la parola degli apostoli abbiamo creduto in Gesù, siamo untiti a lui, e formiamo una cosa sola. Questo non contraddice la varietà dei carismi e la varietà delle espressioni fede, anzi, noi testimoniamo l’amore di Gesù proprio per il fatto che siamo uniti e che ci amiamo gli uni gli altri, nonostante le nostre differenze.

Gesù ci ha donato il suo amore, e il suo amore è la forza di coesione che ci attrae a lui e che ci tiene uniti fra di noi. Il Maligno, il diavolo, il divisore, cerca sempre di distruggere questa unità, ma noi non lasciamoci ingannare, se rimaniamo fedeli alla parola trasmessa dagli apostoli saremo veramente discepoli di Gesù.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 2 Giugno 2022