fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022

52

- Pubblicità -

Quanta fatica, quante energie consumiamo per le cose che arricchiscono la nostra vita terrena? E quanta dedizione dedichiamo invece per ciò che serve alla vita eterna? Certo, capisco che al giorno d’oggi questi argomenti non interessano molte persone, sia perché noi cristiani siamo una piccola minoranza della popolazione, e poi anche perché c’è una buona parte di cristiani che è convinta che tanto saremo salvati tutti, e quindi non ha alcun senso quello che oggi ci dice Gesù, che dobbiamo accumulare tesori in cielo.

Ma io sono dell’opinione che Gesù non abbia sprecato le sue parole, e sono anche convinto che se nel Vangelo troviamo scritto di non accumulare tesori in terra ma in cielo, questo dovrà pur avere un significato. Per questo cerchiamo di tenere a mente queste parole: accumula tesori in cielo. E questo ha un risvolto molto pratico.

A volte, per esempio, abbiamo 50 euro in tasca e ci domandiamo se utilizzarli per comperare un paio di scarpe nuove o invece per fare un ‘opera di carità, in quel momento ricordati: accumula un tesoro in cielo. Questo principio lo si può applicare non solo al denaro, ma anche al donare tempo, al perdono, e a qualsiasi altra opera buona. Perché con ogni gesto d’amore noi accumuliamo un tesoro in cielo.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022