fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2022

63

- Pubblicità -

Queste parole, che Gesù ci dona oggi, non ci sono state date per condannare gli altri e nemmeno per condannare noi stessi, ma per aiutarci a fare scelte coraggiose, anche quando comportano qualche sacrificio.

Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te. È evidente che non sono comandi che possano essere presi alla lettera, perché togliere l’occhio non risolverebbe il problema di un cuore corrotto.

Gesù non vuole corpi mutilati, ma un cuore puro. Lo stesso si potrebbe dire anche per questi insegnamenti sul matrimonio, il problema non è salvare la formalità del matrimonio ma cercare di salvare il cuore del matrimonio e fare il possibile per ritrovare la comprensione e la pace. E lo capiamo bene proprio dalle parole di Gesù dove ci dice di non commettere adulterio nel nostro cuore.

Noi non dobbiamo essere dei superfarisei, o dei super osservanti, ma veramente dobbiamo badare al nostro cuore. Custodiamo un cuore luminoso, un cuore fedele, un cuore compassionevole. Gesù ci ha liberati dalla burocrazia religiosa, e ci ha donato un cuore capace di amare, e ci chiede di vivere con pienezza questo amore.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano


Articolo precedenteDon Francesco Cristofaro – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2022
Articolo successivop. Ermes Ronchi – Commento al Vangelo di domenica 12 Giugno 2022