fra Mario Berišić – Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020

113

C’è una grande differenza tra persone religiose (false) e persone che hanno conosciuto Cristo. Nel vangelo di oggi Gesù si oppone proprio ai falsi religiosi :”Guai a voi farisei… Guai a voi dottori della legge.” Si oppone a quelli che erano falsi e mettevano maschera davanti a tutti, quella maschera era talmente bella che sembrava vera, perché è fatta di opere buone e i precetti osservati fino al scrupolo.

Però mancava ciò che è più neccessario, mancava proprio il cuore. Ecco perché falsi religiosi sono pericolosissimi, perché come dice Gesù:”…siete come quelli sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo.” Gente purtroppo ci crede che quelle persone sono brave, buone e giuste, però in realtà non sanno che passano sopra dei sepolcri.

Un falso religioso è quello che non sopporta un peccatore e uno che desidera convertirsi, si mette sempre in mostra e per lui osservare comandamenti non va per la gloria di Dio, ma per proprio vanto. Pensa che non ha mai sbagliato, non si riconosce peccatore. Falso religioso è quello che insegna tutti come si dovrebbero comportare e così opprime tutt’intorno, alla fine neanche lui si comporta così.

Invece persona che ha conosciuto Cristo, sa che non è perfetta, si riconosce come peccatore e proprio perché si riconosce tale non ha il coraggio di giudicare, di mostrarsi, di vantarsi. Una persona che ha conosciuto Cristo si è sentita amata e sa che l’amore non è una legge, non è un precetto, non è uno schema che devi imparare a vivere, addirittura amando, i comandamenti diventano qualcosa di naturale, altrimenti tutto diventa un terrorismo moralistico.

Commento a cura di fra Mario Berišić OFMCap

Pagina Facebook