fra Mario Berišić – Commento al Vangelo del 14 Gennaio 2020

231

La parola di oggi ci mette un dettaglio molto particolare sulla vita di Gesù: “Ed erano stupìti del suo insegnamento: egli insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi.” Quante volte è successo nella vita che la parola di Dio ci ha colpito?

Quante volte abbiamo sentito il suo potere, la sua autorità? Molti di noi possono testimoniare con la propria vita, che la parola di Dio è stata uno dei motivi per cui qualcosa è cambiato dentro di noi. Infatti, chi insegna deve lasciare un segno, deve imprimere nelle persone che lo ascoltano qualcosa che non fa soltanto bene per le orecchie, ma bene anche per la vita completa.

La parola di Gesù ha un potere, ha un’autorità che non si può paragonare con niente e nessuno, proprio perché Lui è quella parola d’amore che il Padre celeste già da tempo pronuncia per noi. Insegnamento di Cristo non è mai statico, anzi fa muovere emozioni e sentimenti, fa muovere anche il male che c’è intorno a Lui e dentro di noi: “Ed ecco nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare…”

Gesù non è come scribi che hanno imparato soltanto le cose a memoria, e poi questo sapere lo trasmettono con aridità e noia. Insegnamento di Gesù è quello che insieme al sapere trasmette anche la capacità di capire ciò che si impara è che si conosce, attraverso dei fatti concreti, non lasciando che le parole volano per aria. Infatti Gesù chiuderà la bocca al male e lo scaccerà via con una frase: “Taci! Esci da lui!”

Arriviamo a concludere che Gesù è l’unica parola vera, che ci indica la via, svela la verità e dona la vita

Commento a cura di fra Mario Berišić OFMCap


Gesù insegnava come uno che ha autorità.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 1, 21b-28 In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafarnao,] insegnava. Ed erano stupìti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!». La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea. Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.