fra Marin Berišić – Commento al Vangelo del 28 Marzo 2020 – Gv 7, 40-53

13

È un tempo che ci mette tantissime parole davanti a noi. Spesso sono le parole di negatività, le parole di paura, di insicurezza. Però tra tutte queste parole ci viene regalata questa frase: “Mai un uomo ha parlato così.”

Le parole di Gesù vengo dette in questo caos di parole, vengono dette a tutti noi. Vediamo che colpiscono tutti i cuori, ma si può dire che l’uomo può dire di no. Le parole di Gesù sono via, verità e vita. Sono le parole d’amore.

Noi cosa ascoltiamo? Ci lasciamo prendere dalle parole che ci chiudono e che ci mettono il cuore nell’ansia. O vogliamo lasciarci colpire dalle parole di Gesù, le parole che ci donano speranza. La speranza è quella che ci dà forza di vivere il presente!

Chiediamo al Signore il cuore di Nicodemo, il cuore che lascia spazio all’ascolto e non giudica. Signore donaci un cuore docile alla tua parola in mezzo a tante parole.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 28 Marzo 2020
Articolo successivoBiblioteca Francescana – Commento al Vangelo del 28 Marzo 2020