fra Marin Berišić – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2019

5

“In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».”

Ciò che attira il nostro sguardo è la bellezza! La bellezza ci spinge a scegliere. Esiste la bellezza esteriore, superficiale delle cose e esiste la bellezza interiore, quella che rimane. Ciò che la rende eterna è l’amore. Infatti l’amore è quello che ci fa vedere la bellezza interiore quando finisce quella esteriore.

Un marito ama la propria moglie anche quando gli anni passano. L’amore riesce a vedere quello che l’occhio non vede. Vede la profondità delle cose, ci fa stare nella realtà senza troppo idealismo. E questo fa l’amore: accogliere, accettare, perdonare. Ci rende più simili al nostro Signore Gesù! Perdendo questa ottica dell’amore andiamo verso la distruzione, la chiusura del nostro cuore e del nostro sguardo, rimanendo solo alla bellezza esteriore. Gesù non lo dice per spaventarci, ma lo dice per svegliarci, per renderci partecipi pienamente nella nostra vita, che è sempre il dono di Dio!

“Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere? “ La nostra preoccupazione è la stessa! Cerchiamo sempre di guardare lontano, desideriamo i segni senza accorgerci della realtà. Siamo chiamati ad accogliere qui ed ora l’amore, ciò che conta e rimane!

Fra Marin Berišić

Commento a cura di fra Mario e fra Marin Berišić OFMCap


Non sarà lasciata pietra su pietra.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21, 5-11

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.

Parola del Signore