Nella matematica è impossibile arrivare alla moltiplicazione condividendo. E invece nel vangelo di oggi è proprio così. Condividere ci porta a moltiplicare. Vediamo povero Filippo che si accorge di non avere così tanto per sfamare tutta la gente.

Quante volte ci succede nella vita di scoraggiarci, pensando che la vita ci fa schiacciare. Pensiamo di non avere le forze per affrontare ciò che ci succede. Infatti il miracolo comincia quando umilmente ci accorgiamo di avere solo cinque pani e due pesci, e questi mettiamo a disposizione. Tutti abbiamo qualcosa.

Dobbiamo essere umili di dire: forse non ho nessun pane, ho solo le briciole. Ma anche queste mettiamo con la fiducia nelle mani di Dio, il resto li fa Lui. Non pretendiamo da noi impossibile, ma diamo e facciamo il possibile. Dio non è un mago, Lui ama la nostra partecipazione. È questo è il miracolo che nella matematica non funziona: condividere per moltiplicare. Dio parte dal nostro possibile! E noi vogliamo avere tanto per essere sicuri di poter fare qualcosa, ma a Dio il nostro poco è tanto!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno