fra Marin Berišić – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2020

40

Quando sentiamo l’assenza di Dio, per noi è una cosa insopportabile. Non vogliamo accettare in nessun modo. È intollerabile! Ma oggi il Vangelo sembra che ci dia una lettura diversa: “Come può costui darci la sua carne da mangiare?” Sembra, appunto che non possiamo tollerare la sua presenza concreta nella nostra vita.

Non possiamo accettare che Dio si è fatto uomo, che Dio desidera diventare la vita della nostra vita, il momento dei nostri momenti. Facciamo fatica a lasciare a Dio il timone della nostra vita nelle sue mani. E sembra che desideriamo incontrarlo solo nello straordinario, invece nella ordinarietà della vita per noi sembra impossibile.

Gesù desidera far parte di tutta la nostra vita. E noi quando preghiamo vogliamo mettergli le regole, gli spazi dove può entrare, dove no. La preghiera è lasciare entrare Gesù in ogni angolo della nostra vita. È lasciarlo fare di noi un pane che si spezza! Infatti essere santi è essere uniti a Cristo! Sempre e ovunque!


AUTORE: fra Marin Berišić 
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

INSTAGRAM

TWITTER

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 3 Maggio 2020