Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 9 Giugno 2021

28

ABOLIRE

Piace molto questo verbo.

Lo associamo ad un’idea di libertà.

Abolire significa eliminare.

Tutti vorremmo eliminare obblighi, impegni, difficoltà…mascherine.

Anche nella nostra vita spirituale ci piacerebbe che qualcosa fosse “ abolito “.

Abolire, ad esempio, l’ “ obbligo “ di frequenza per far accostare i nostri figli, troppo impegnati in altro, al sacramento della comunione, l’ “ obbligo “ di fare un corso pre-matrimoniale per                  potersi “ sposare in Chiesa “ e fare “ una bella finzione “ ( scusate il lapsus, volevo dire                           “ funzione “ ), abolire magari anche l’omelia per ridurre la durata della Messa e correre subito alle altre importanti attività domenicali, quali andare al centro commerciale o al ristorante, abolire, magari, anche i comandamenti, alcuni dei quali, diciamocelo francamente, sono un po’ “ fuori  moda “.

E invece no.

Cristo non abolisce.

E ti pareva!!!!

Dà compimento, quindi, addirittura…..AGGIUNGE.

Non solo dice di rispettare TUTTI I COMANDAMENTI ( “ Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli “ ) ma li COMPLETA, in quanto, con la sua venuta, ce ne dà uno nuovo, che, se rispettato, implica il rispetto di tutti gli altri.

CREDI IN ME.

E’ questo il “ comandamento nuovo “, è questo quello che completa gli altri.

Chi crede in Cristo, chi ha fiducia in Lui, non avverte i comandamenti come un peso ma come delle indicazioni di un Padre che vuole la felicità dei suoi figli.

E allora diventa semplice seguirli, diventa bello uniformare ad essi la propria vita, perché diventerà come quella di Cristo.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 9 Giugno 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 9 Giugno 2021