Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 9 Aprile 2022

55

- Pubblicità -

Che cosa facciamo? Quest’uomo compie molti segni. Se lo lasciamo continuare tutti crederanno in Lui, verranno i romani e distruggeranno il nostro tempio e la nostra nazione.

C’è un rischio serio.

Se Gesu’ continua a “ fare segni “, quei “ molti “ che credettero in Lui, che avevamo incontrato nel Vangelo di ieri, diverranno “ tutti “.

Il problema è forte.

Perchè?

Perchè se tutti crederanno a Gesu’…nessuno crederà piu’ a chi ha il potere terreno.

E, allora, bisogna…. ammazzare Gesu’.

- Pubblicità -

Il ragionamento del sommo sacerdote Caifa è quello dei governanti di tutti tempi: “ è piu’ conveniente che un solo uomo muoia per il popolo e non vada in rovina una nazione intera “.

Caifa profetizzo’ che Gesu’ doveva morire per la nazione ma anche “ per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi “

Caifa voleva ucciderlo però, senza saperlo, utilizzo’ delle “ parole profetiche “.

Gesu’ morirà infatti per tutti, proprio per “ riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi “.

Ecco il motivo per cui tutti dovremmo credere in Lui: perché non si è tirato indietro dinanzi alla missione che aveva da compiere, perché è morto per te, per me, per ognuno di noi, affinché fossimo “ uniti nel suo nome “, affinché anche noi assumessimo il suo “ come “.

“ Che ve ne pare? Non verrà alla festa? “

Verrà alla festa, è venuto alla festa, ha trasformato in vita la morte a cui è stato condannato, ha versato il suo sangue per la vita di ciascuno.

Ha sconfitto la morte: ecco come ha partecipato alla festa.

Gioiamo e non roviniamo la festa ma continuiamo a viverla.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2022