Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 8 Marzo 2021

104

Questa nuova settimana si apre con un invito a ” camminare “ sempre sulla strada di Cristo, anche se saremo derisi, contrastati da chi “ si riempirà di sdegno “ verso di noi.

Non nascondiamocelo: essere annunciatori del Vangelo è difficile.

Nel nostro mondo “ scristianizzato “ il solo proporre la lettura di una pagina della Bibbia, la partecipazione ad una catechesi, porta ad essere etichettati come  “ sfigati “, come uomini che “ non hanno niente di cui occuparsi “ e che, pertanto, “ hanno tempo da perdere “ dietro a Cristo, alla preghiera.

Se, nonostante cio’, si insiste e si evidenzia a qualcuno che il suo modo di agire è completamente difforme dal Vangelo e lo sta portando alla rovina, l’indifferenza si trasforma in “ sdegno “, in “ rabbia “ per aver detto cose che non si vogliono sentire, e si verrà “ cacciati fuori “.

Bisogna scoraggiarsi?

No, perché è la stessa sorte che è toccata a Cristo.

E’ fondamentale insistere “ passando in mezzo a loro “, continuando a camminare sulla strada del Vangelo.

Questo è quello a cui siamo chiamati: a seminare.

Raccoglieremo frutti?

Molto probabilmente no ma..non è questo il nostro compito.

A noi sta proporre, annunciare, seminare.

Si raccoglierà se Dio vorrà.

Buona giornata e buon cammino a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 8 Marzo 2021 – Lc 4, 24-30
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 8 Marzo 2021