Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 7 Aprile 2020

301

Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: “ In verità, in verità, vi dico: uno di voi mi tradirà “.

Mi colpisce molto il fatto che Gesu’ sia “ profondamente turbato “.

Cio’ denota il fatto che assume veramente la nostra “ natura umana “ e, come ogni uomo, ha momenti di “ turbamento “, di paura, di sconforto.

Ma perché è turbato?

Perchè uno dei suoi discepoli, uno di coloro che ha vissuto con lui, lo ha seguito, gli è stato intimo, lo “ tradirà “.

Essere tradito da un tuo amico, da un familiare, è una delle cose più tristi che una persona possa subire.

Capita a tutti noi e…capita anche a Gesu’.

Ancora una volta una chiara indicazione sul fatto che è “ vero uomo “.

E cosi’ avviene il tradimento di Giuda.

Quando avviene?

Il testo dice “ di notte “.

La “ notte “, ovviamente, non è un riferimento temporale, ma un riferimento esistenziale.

Quando siamo nella “ notte “, nel peccato, allora siamo più fragili, vulnerabili, e siamo capaci di “ tradire “ anche coloro i quali ci sono più vicini.

Tutti attraversiamo questi momenti di “ buio “ nella nostra vita, in cui ci sembra che tutto vada male, che il Signore si sia dimenticato di noi.

Eppure basterebbe leggere questa pagina del Vangelo per capire che anche Gesu’ è stato tradito, anche lui è stato turbato, anche lui ha sentito tanto buio intorno a lui; cio’ nonostante è rimasto sempre “ saldo “ nel Padre, sicuro che mai lo avrebbe abbandonato.

E…allora, cio’ valga come indicazione per noi: nelle nostre notti esistenziali non pensiamo che Gesu’ non ci comprenda, perché anche lui le ha vissute.

Assumiamo quindi, in quei momenti, lo stesso atteggiamento di Cristo: affidiamoci al Padre, certi che è un Dio fedele e ci aiuterà a farci uscire dal buio.

Se si ha fede in Dio le notti, infatti, si superano, ed il giorno torna.

Fiducia in Dio non significa però spavalderia.

Daro’ la mia vita per te “ dice Pietro, per poi tradirlo tre volte in una sola notte.

E allora, consapevoli dei nostri limiti, diciamo, “ proverò a fare sempre il mio meglio “ per te e per i fratelli.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.