Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 5 Maggio 2022

56

- Pubblicità -

“ Nessuno puo’ venire a me se non l’attira il Padre che mi ha mandato “.

ATTIRARE

Significa essere spinto verso qualcosa o qualcuno, tendere fortemente verso qualcosa o qualcuno, desiderare ardentemente quel qualcosa o quel qualcuno.

Solo se c’è questa forte “ attrazione “ si è disposti a lasciare le “ comodità quotidiane “ in cui ci siamo adagiati pensando che siano il “ massimo “ senza capire che non danno nulla.

Siamo destinati a qualcosa di piu’ alto.

Ma la “ notizia ancora piu’ clamorosa “ è che attrarre è un verbo che sa di reciprocità.

Dio è “ attratto “ da noi, ci “ ama “, desidera relazionarsi con noi ma è talmente grande che rispetta la nostra libertà.

- Pubblicità -

E allora, fratello, sorella, dico a te:  non porre resistenza a questa forza attrattiva che, naturalmente, ti spinge verso il tuo vero Padre.

Affidati a Lui, va incontro a Dio, come fa un bambino con suo Padre.

Ti troverai coinvolto in un abbraccio fantastico e tenerissimo che ti farà sperimentare la forma piu’ alta dell’AMORE.

Buona giornata e “ buon incontro “ con il Signore a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 6 Maggio 2022