Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 3 Settembre 2021

53

Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro?

Quando leggo questo versetto tratto dal Vangelo di oggi nella mia mente si affaccia sempre l’immagine dei “ ricevimenti nuziali “, in cui c’è cibo a volontà.

Credo che a nessun invitato ad un matrimonio venga in mente, proprio in quel giorno, di “ digiunare “.

Mi faccio però una domanda: se al “ banchetto nuziale “ non si “ digiuna “, anche solo per “ non offendere lo sposo “, come mai, al “ Banchetto per eccellenza “, che, ogni giorno, in una qualsiasi Chiesa, lo “ SPOSO “ offre a tutti noi, si “ digiuna “ o, addirittura, non si partecipa?

Trovo veramente stupefacente che tanti cristiani si accontentino di andare, quasi per prassi, una sola volta alla settimana, di Domenica, al “ Banchetto “, e, magari, “ digiunano pure “ non nutrendosi di Cristo Eucarestia, cosi’ come altrettanto stupefacente trovo il fatto che, durante la settimana, non si trovi il tempo ( melius: non si senta il desiderio ) di partecipare, almeno qualche volta, al “ Banchetto “.

Probabilmente è dovuto al fatto che “ siamo satolli “, cerchiamo “ cibi alternativi “, senza comprendere che questi ultimi non possono saziare la nostra fame di eternità.

Diceva il Papa, nel commentare il Vangelo letto Domenica 08/08/21 ( Gv 6, 41-51 ), che Gesu’ si “ fa mangiare sotto forma di pane “.

Perché?

Perchè chi sente i morsi della fame cerca il “ pane “, l’ “ Essenziale “, cio’ che sfama, e non il superfluo, il voluttuario, quello che appaga un bisogno transeunte e, poi, subito viene a noia.

L’ “ Essenziale “ è invisibile agli occhi diceva il Piccolo Principe.

E’ proprio vero.

E’ li’, è presente.

Ogni giorno c’è una festa nuziale preparata per noi e la disertiamo.

Il tutto fino a quando, come è capitato nel “ primo lockdown “, quest’essenziale non ci è stato tolto, facendoci sperimentare, a causa della chiusura dei luoghi di culto, “ l’assenza dello Sposo “.

Qualcuno la ha avvertita ma, purtroppo, riaperte le Chiese, subito si è rigettato sui “ cibi alternativi “.

La pagina di oggi possa essere quindi un invito alla riscoperta dell’Essenziale, dell’unico pane di vita che sazia e dal quale, davvero, non si puo’ digiunare: Cristo Gesu’ che si dona a noi nell’Eucarestia.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2021
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2021