Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 3 Novembre 2020

91

Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: “Venite, è pronto”. Ma tutti, uno dopo l’altro, cominciarono a scusarsi “.

Credo che il messaggio del Vangelo odierno sia concentrato in questo versetto.

Il Signore, ieri come oggi, ci dice che “ è tutto pronto “, il suo Regno è qui ed ora, e lui desidera ardentemente che noi ne facciamo parte e lo aiutiamo a diffonderlo.

Ma noi, ieri come oggi, ci “ scusiamo “, cioè cerchiamo delle scuse per non far parte di un progetto meraviglioso a cui siamo stati invitati senza meriti ma solo per l’infinito amore che Dio ha per ciascuno di noi.

Sembra incredibile ma è vero.

Ho comprato un campo, ho comprato cinque paia di buoi, mi sono appena sposato “.

E’ evidente che sono solo scuse per non impegnarsi.

Il lavoro, gli affari, la famiglia, vengono usati come pretesto per differire ad un do-mai l’impegno per il Regno.

Perchè si agisce cosi’?

Perchè non si ha fede.

Chi crede veramente in Dio sa ben individuare le proprie priorità e, pertanto, dinanzi all’invito del suo Creatore ( “ venite, è pronto “ ), fa esattamente il contrario di quello che fa la stragrande maggioranza degli uomini: mette Dio al primo posto e pospone a lui tutti gli altri tipi di impegni.

Non dice: “ scusa, Signore, perché ho altro da fare “ bensi’: “ scusa datore di lavoro, scusa moglie, scusa compagno di calcetto, ma verrò da te dopo in quanto devo prima stare con Dio “.

Si dà preferenza a cio’ che si ritiene più importante.

E tu, ed io, a cosa dai/diamo priorità?

Riflettiamoci sopra ma stiamo certi di una cosa: se diamo il primo posto, il nostro cuore, a Dio, tutto il resto ( lavoro, famiglia, hobby ) lo riceveremo “ in aggiunta “, come ci dice il Vangelo  ( Mt, 6, 33 ).

Se, al contrario, diamo la priorità a cio’ che riguarda la dimensione orizzontale della nostra vita, ci terremo solo quella, perdendo la cosa più importante, l’unica che può darci gioia: la relazione con il Creatore.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.   


A cura di Fabrizio Morello