Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 3 Giugno 2022

76

- Pubblicità -

“ Mi ami piu’ di costoro? “

“ Mi ami? “

“ Mi vuoi bene? “

Le domande che Gesu’ fa a Pietro, secondo alcuni studiosi, sono proprio tre perché tre volte l’apostolo tradi’ il Maestro durante la sua passione.

Quello che emerge da esse è la tenerezza, l’amore del Signore.

Si adatta a Pietro, gli va bene quello che puo’ fare, quello che puo’ dare.

Mi ami piu’ di costoro era forse troppo, era caricare di un peso eccessivo il povero apostolo.

- Pubblicità -

Mi ami pure era impegnativo.

Amare significa “ dare la vita per il proprio amico “, essere pronto a tutto per Lui.

Mi vuoi bene è adeguato.

E’ il bene di amicizia.

Gesu’ sta dicendo a Pietro: sei mio amico?

L’apostolo resta “ addolorato “ dal fatto che il Signore gli ripeta la domanda.

No, Pietro, non prendertela, ma sii grato a Gesu’ perché ti ama per come sei, per quello che puoi dare.

Lo stesso vale anche per noi.

Non sentiamoci inadeguati se non siamo capaci di gesti eroici, se non siamo cristiani irreprensibili sempre e comunque.

Diamo cio’ che abbiamo, diamo cio’ che siamo.

E’ questa la sequela che ci chiede “ il nostro amico “ Gesu’.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentep. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2022
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2022