Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 28 Ottobre 2021

67

Gesu’ se ne ando’ sul monte a pregare e passo’ tutta la notte pregando Dio “.

Quando leggo questo passo del Vangelo il versetto introduttivo è sempre quello che mi colpisce di piu’.

In esso viene ripetuto due volte il verbo “ pregare “.

Cio’ denota l’importanza della preghiera.

Quello che mi colpisce ancora di piu’ è che chi prega è Gesu’.

Ma come, verrebbe da chiedersi.

Gesu’, che è Dio, ha bisogno di pregare il Padre e, addirittura di farlo “ per tutta la notte “?

A che gli serve questa azione?

Serve, innanzi tutto, a Lui, e, poi, serve come insegnamento per noi.

Serve a Lui per cementificare la relazione con il Padre.

Serve a noi come “ criterio guida “ per tutte le nostre scelte di vita.

Quando dobbiamo prendere una decisione tutti, ovviamente, pensiamo a quale sia quella migliore o piu’ utile per noi.

Ci ragioniamo.

Cerchiamo, con la mente, di fare la scelta giusta.

Gesu’ vuole invece dirci: quando devi decidere pensa ma, prima ancora, prega.

La preghiera ti aiuta a decidere facendo scelte conformi al Vangelo.

Questo, per un cristiano, è un criterio di discernimento imprescindibile.

Solo la preghiera assidua, lunga, incessante ( “ tutta la notte “ ) ci porta a fare la “ scelta giusta “, che, magari, a volte, se non sempre, non è quella “ piu’ comoda “ o “ piu’ conveniente “ ma è certamente quella “ migliore “ per la nostra vita.

Intensifichiamo, quindi, i nostri momenti quotidiani di preghiera prendendo esempio proprio da Gesu’, “ Maestro di Preghiera “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 28 Ottobre 2021