Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 28 Aprile 2022

81

- Pubblicità -

“ Chi crede nel Figlio ha la vita eterna “.

Questa espressione indica il “ compimento “ che Gesu’, con la sua venuta, dà ai comandamenti.

Il comandamento nuovo è questo: “ Credi in me “, che equivale a dire “ credi in chi mi ha mandato “, il Padre.

Il nostro problema, che ci impedisce di “ credere veramente in Lui “, è che noi “ non accettiamo la sua testimonianza “.

Cristo, con la sua venuta, ci è venuto ad attestare cio’ che “ ha visto e udito “ dal Padre, ci è venuto, cioè, a “ rivelare il volto del Padre “, che nessuno ha mai visto.

Solo accettando la sua testimonianza possiamo capire veramente chi è il Padre e che bene deve volerci per averci donato il suo unico figlio.

Già questo fatto dovrebbe farci superare ogni dubbio.

- Pubblicità -

Quale padre, quale madre, donerebbe la vita di un figlio per salvare altre persone?

E allora smettiamola nei nostri ragionamenti, propri di chi “ appartiene alla terra “ e “ parla secondo la terra “, e, lasciandoci guidare dallo Spirito, che Dio “ ci dà senza misura “, accettiamo la sua testimonianza.

E’ la chiave per avere in eredità la Vita Eterna.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteMissionari della Via – Commento alle letture di domenica 1 Maggio 2022
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2022