Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 23 Settembre 2020

129

La pagina del Vangelo di oggi è paradigmatica della “ missione “ a cui tutti i cristiani sono chiamati.

Sostituiamo, infatti, alla parola “ i Dodici “ il nostro nome, volgiamo il brano al presente e scopriremo che il messaggio è rivolto a ciascuno di noi.

Proviamo, allora, a fare la sostituzione.

In questo tempo Gesu’ convoca Fabrizio ( ognuno metta il suo nome ), gli da forza e potere su tutti i demoni e lo manda ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi “.

Effettuato il “ cambio “ analizziamo le caratteristiche del nostro mandato.

In primo luogo c’è la “ convocazione “.

Tutti siamo chiamati a contribuire al Regno.

Non vi è esclusiva a favore di preti, suore o di qualche “ laico fanatico “; tutti, in quanto cristiani, abbiamo questa missione e siamo in grado, se ci impegniamo, di svolgerla, in quanto è Cristo stesso che ci da la “ forza “ di sconfiggere i demoni e guarire le malattie.

I demoni da sconfiggere e le malattie da guarire sono dapprima i miei/ le mie, e sono rappresentati/e dalle mie resistenze ad impegnarmi alla diffusione del Regno in quanto attratto da altro, che soddisfa solo le mie passioni terrene.

Con la forza che ci dona Cristo e con la nostra libera adesione possiamo farcela.

Non scoraggiamoci.

E, allora, “ usciamo “, “ giriamo di villaggio in villaggio “, cioè nei luoghi abituali in cui viviamo ed, ovunque, annunciamo la buona notizia, diciamo a tutti che Dio li ama, che sono importanti agli occhi del Signore e che, se si fidano di lui, se si mettono alla sequela del Vangelo, le loro vite fioriranno.

Crederanno alle nostre parole?

Se saremo testimoni credibili, se le nostre vite, le nostre scelte, sono sempre coerenti al Vangelo, certamente li “ inquieteremo “, li stimoleremo e, probabilmente, qualcuno ci seguirà: che meraviglia, avremo guadagnato altri fratelli in Cristo che, a loro volta, in una circolarità di amore, inizieranno ad “ annunciare “ la Parola.

Buona “ missione “ a tutti.


A cura di Fabrizio Morello