Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 23 Agosto 2021

114

Guai a voi “, “ ipocriti “, “ ciechi “.

Sono le tre parole che si ripetono più volte nel Vangelo di oggi.

Mettendole insieme, in un’unica frase, si trae l’ammonimento che Gesu’ vuole dare a tutti noi: “ Guai a voi, che siete ipocriti e ciechi “.

L’ “ ipocrita “ è colui il quale indossa una maschera, è finto, costruito, è apparentemente irreprensibile all’esterno ma, nel suo interno, è pieno di falsità.

Bisogna stare pertanto attenti a non assumere le vesti del “ cristiano ipocrita “, di colui, cioè, che “ fa il perfettino “, va sempre a messa, recita rosari, da una mano in parrocchia, ma, poi, magari, appena “ uscito dalla sacrestia “, è incapace di perdonare, trama il male contro gli altri, trascurando “ giustizia, misericordia e fedeltà “.

Se un po’ ci siamo riconosciuti nella descrizione appena fatta, il Signore ci vuole oggi richiamare dicendoci di stare attenti perché stiamo percorrendo una strada sbagliata, siamo “ ciechi “ che, per lo più, hanno la presunzione di vederci bene ma che, in realtà, stanno trascurando l’essenziale della vita cristiana: l’interiorità, la relazione profonda e quotidiana, attraverso la preghiera, con il Signore.

Cosi’ agendo stiamo compiendo un grave sbaglio perché stiamo dando “ cattiva testimonianza “ ai fratelli impedendo, in tal modo, anche a loro, di provare ad “ entrare nel Regno di Dio “.

E’ un peccato grave, gravissimo.

Il cristiano deve “ diffondere “ il Vangelo, deve annunciare, vivere, incarnare, celebrare la Parola, deve essere “ autentico faro “ per condurre gli altri a Cristo.

Se li allontana, se, con la sua cattiva testimonianza, “ chiude il Regno di Dio “ agli altri, avrà totalmente fallito la propria missione.

In questo caso: “ Guai a Lui “.

Ne dovrà rispondere a Dio nell’ultimo giorno.

Sforziamoci ad essere “ testimoni autentici “ del Vangelo e non “ cristiani ipocriti “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 23 Agosto 2021 – Mt 23,13-22
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 23 Agosto 2021