Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 22 Ottobre 2021

111

Ipocriti

Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada cerca di trovare un accordo con lui, per evitare che ti trascini dinanzi al giudice e il giudice ti consegni all’esattore dei debiti e costui ti getti in prigione: Io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo “.

Sembra che Gesu’ oggi…sia particolarmente nervoso!!!

Prima ci offende, chiamandoci “ ipocriti “, poi ci “ terrorizza “ descrivendoci tutto quello che ci accadrà se “ non troveremo un accordo “ con il nostro avversario.

Perchè tanta durezza?

Come sempre….per amore.

Un Padre, a volte, ha necessità di essere severo per il bene dei figli, per invitarli a “ cambiare rotta “.             

Cosi’ fa anche Gesu’ con noi.

Non ci offendiamo subito, quindi, se ci chiama “ ipocriti “, cioè falsi, bugiardi, perché….ha ragione.

Spesso lo siamo.

Siamo bravissimi a valutare i segni del tempo metereologico ( “ Arriva la pioggia “, “ Farà               caldo “ ) ma “ facciamo finta “ di non sapere “ cosa sia giusto o meno “ per autogiustificarci delle nostre mancanze.

Siamo “ ipocriti “.

Gesu’ ha ragione,

E, pertanto, da buon Padre, ci dice di abbandonare questo atteggiamento di “ doppiezza “, che ci porta a fare cose diverse da quelle che “ sappiamo essere giuste “… facendo finta di non saperlo.

Il Maestro ci invita all’autenticità, all’essere veri, ad avere consequenzialità tra pensiero ed azione.

Se il pensiero è pulito lo sarà anche l’azione.

Se il primo è “ inquinato “, è sedotto dalle “ tentazioni peccaminose “, dalla bramosia che deriva dall’avere, dal potere e dal piacere, anche la seconda sarà perversa.

Gesu’ ci chiede, pertanto, di liberarci dalla falsità, di ESSERE VERI.

Qual è lo strumento di “ purificazione “?

Come sempre la preghiera, la lettura della Parola, che ci fa assumere, giorno dopo giorno, il modo di pensare e di agire di Cristo.

Quando potremo dire che stiamo veramente “ divenendo autentici “?

Quando ci “ accorderemo “ con il nostro avversario perché non lo percepiremo piu’ come tale ma come povero peccatore bisognevole di perdono come noi.

Allora potremo andare insieme a Lui incontro al Padre che, certamente, ci accoglierà nel suo abbraccio Misericordioso.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021