Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 21 Novembre 2021

37

Sei tu il re dei Giudei?

Dunque tu sei re?

Sono le domande che Pilato, in questa nota pagina del Vangelo che la liturgia propone questa Domenica, fa a Gesu’.

Se ci riflettiamo sono gli stessi interrogativi che ci poniamo noi: “ Ma sei veramente re? “; “ Ma che razza di re sei, che vai a morire e, per giunta, su una croce, alla quale venivano affissi gli schiavi, i servi?

Eppure si, è proprio RE.

E’ un re diverso da quelli che gli uomini sono abituati a conoscere.

Esprime la sua regalità non nella potenza ma nel servizio, di cui la croce è il simbolo.

E’ antitetico al mondo.

Lo dice chiaramente a Pilato e oggi a noi: “ Il mio regno non è di questo mondo “.

Che significa?

Che il suo modo di essere re non si potrà mai conciliare con la mentalità umana e che, quindi, se veramente ritieni, caro fratello, cara sorella, che sia il tuo RE, devi smetterla di stare dietro ai “ re del mondo “, agli idoli del potere, del successo, del denaro, e devi iniziare ad obbedire, cioe’ a dare ascolto, a LUI, che ti parla di servizio, di amore.

Sembra difficile, per noi che siamo intrisi della mentalità del “ mondo “, scegliere “ l’ opzione Dio “ e non “ l’opzione mondo “ ma optare per la prima è l’unico modo che ti rende Vero, che ti fa vivere nella Verità.

Se ambisci al potere terreno devi necessariamente essere falso, devi indossare delle maschere, devi usare, senza farti scrupolo, gli altri.

E’ questa la strada per arrivare alla “ regalità terrena “, che ti comporta, inevitabilmente, ansia, rabbia, cattiveria.

Non sei mai in pace con te stesso.

Se ambisci alla vita eterna sarai Vero perché “ ascoltando la voce di Dio “ prenderai atto, giorno dopo giorno, che le sue Parole sono vere, che ti trasformano, che ti portano sempre a compiere scelte d’amore, dalle quali deriva uno stato di pace, di gioia, di serenità.

Il difficile sta nell’iniziare.

Dice spesso il bravo Don Francesco Fiorillo nelle sue riflessioni: “ tra il dire e il fare c’è di mezzo il cominciare “.

Per “ cominciare “ bisogna….. iniziare a pregare, ad avere un rapporto con Lui.

Cio’ ci farà fare sempre la scelta giusta.

Orientiamoci per “ l’opzione Dio “: è l’unica strada che conduce alla Verità.

E’ questo il grande messaggio di questa pagina.

Buona Domenica e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteCommento al Vengelo del 21 Novembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021