Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 21 Giugno 2022

45

- Pubblicità -

“ Entrate per la porta stretta “.

Per capire bene cosa sia questa “ porta stretta “ è necessario continuare a leggere il versetto del Vangelo che afferma “ Entrate per la porta stretta perché larga e spaziosa è la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano “.

Il testo, in realtà, non ci dice cosa sia la porta stretta ma…dove conduce la porta larga: “ alla perdizione “.

Per logica, pertanto, possiamo affermare che, se la porta larga conduce alla “ perdizione “ quella stretta porta alla “ Salvezza “.

E allora, dove sta questa porta stretta e perché sono pochi “ quelli che la trovano “?

Alla seconda domanda è facile rispondere: sono pochi perché non sanno dove essa conduce!!!

La prima sembra piu’ complessa, ma la risposta è stupefacente: la porta stretta è…LA TUA VITA.

- Pubblicità -

Cosa?

E allora tutti ci entrano!!!

E qui c’e’ l’inganno.

Entrare nella propria vita significa vivere la propria unicità, quello per cui siamo stati chiamati su questa terra.

E’ un percorso personale, l’unico che puo’ portare alla felicità.

Il diavolo prova sempre a farci deviare da questo percorso, a farci credere, con la menzogna, che è piu’ facile utilizzare scorciatoie, fare come fanno tutti, entrare, cioè, per la “ porta larga “.

La tentazione è forte: sembra piu’ facile la via suggerita dal diavolo ma essa mi/ti/ci conduce alla  “perdizione “ perché mi/ti/ci porta lontano dalla “ vocazione “.

Per questo dice Gesu’ che sono pochi quelli che “ trovano “ la porta stretta.

E chi sono?

Sono quelli che hanno avuto fiducia in Cristo e non si sono “ sprecati “ gettando i propri talenti “ ai  porci “, sotterrando le proprie vite, le proprie aspirazioni, la propria unicità per omologarsi e sentirsi “ protetti “ perché uguali agli altri.

Questa protezione, questa apparente sicurezza è la piu’ alta forma di autolesionismo, perché non ti permette di essere te stesso.

Torna indietro fratello, torna indietro sorella; forse nella porta “ larga “ sei già entrato ma puoi uscirne per cercare, finalmente, di entrare in quella “ stretta “, quella di cui tu solo hai la chiave: la tua vita.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.

A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2022
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 21 Giugno 2022