Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 20 Gennaio 2021

45

Stavano a vedere se lo guariva….per accusarlo “.

Ma essi…tacevano “.

Subito tennero consiglio contro di lui per farlo morire “.

I verbi di chi è chiuso, duro di cuore, sono statici.

Stavano a vedere…tacevano “.

Queste persone tristi, che, per lo più, si ritengono giuste, pronte solo a puntare il dito contro gli altri, sono vili perché cercano di cogliere in fallo chi opera e tacciono dinanzi a chi, agendo, scopre le loro meschinità.

Quando si muovono queste persone?

Solo quando devono eliminare chi li smaschera, chi mette a nudo la loro ipocrisia.

Quando c’è da uccidere “ subito “ si muovono dalla loro stasi e si impegnano fattivamente per vedere come possono far morire chi fa il bene.

Quante persone tristi cosi’ esistono anche oggi.

Bisogna pregare per loro ma, allo stesso tempo, starne alla larga e non farsi coinvolgere nei loro atteggiamenti.

Il cristiano, come Gesu’, ama, al contrario, i verbi di movimento.

Alzati “, “ Tendi la mano “.

Questo fa Gesu’ con noi.

Ci invita ad alzarci, ci tende la mano e ci guarisce, ci libera dalla schiavitù del peccato.

Se ci fidiamo di lui le nostre mani “ paralizzate “ torneranno a muoversi e potremo collaborare alla costruzione del Regno.

Alzati.

Questo imperativo è per me, per te, per tutti.

Muoviamoci quindi e non lasciamoci ingabbiare da chi trama il male.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 20 Gennaio 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 20 Gennaio 2021