Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Novembre 2021

103

Colui che viene a me io non lo caccerò fuori “.

In questo giorno che, solitamente, viene considerato un po’ mesto, ci troviamo di fronte ad una consolante pagina del Vangelo.

Cristo ci rassicura, ci dice espressamente che “ chi va a Lui “, cioè si lascia incontrare, non sarà cacciato fuori dalla vita eterna.

La linea di discrimine tra la beatitudine e la dannazione sta nel desiderio di “ andare “ a Lui e non da “ qualcun altro “.

Chi va a Lui non si perderà ma risusciterà, cioe’ sperimenterà in pienezza quello che Cristo ha sperimentato come primizia.

Che meraviglia.

In questo giorno scopriamo che la morte non ha l’ultima Parola e che la volontà del Padre è quella di “ non perdere nessuno di noi “, perché siamo tutti preziosi ed amati ai suoi occhi.

Siamo, però, anche immensamente liberi di rifiutare la sua volontà, di chiudere le porte all’Amore e di andare altrove perdendoci.

E io, e tu, che vogliamo fare?

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 2 Novembre 2021