Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Giugno 2022

82

- Pubblicità -

Cristo prega per noi.

E’ quello che ci dice la pagina odierna del Vangelo.

“ Non prego solo per questi ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola.

Noi siamo coloro i quali crediamo in Lui “ mediante la Parola “ di chi ce la ha trasmessa.

La fede si basa su una testimonianza.

Quella degli apostoli che annunciarono a tutti Cristo Risorto, che loro avevano incontrato.

Per aver creduto a questa testimonianza “ Cristo prega per noi “.

- Pubblicità -

Pregare per qualcuno è “ augurargli il meglio “.

E cosa si augura per noi Gesu’?

Che siamo una sola cosa.

“ Come tu, Padre, sei in me ed io in te, siano anch’essi in noi “.

Unione.

E’ questo quello che Cristo non solo ci augura ma ci dona.

Con il sacramento del Battesimo, infatti, Cristo “ viene ad abitare in noi “.

Siamo un tutt’uno con il Padre e con il Figlio.

E’ da brividi.

“ Siamo abitati dall’Eterno “ che, però, ci lascia, come sempre, liberi.

Sta adesso solo a noi decidere di vivere la vita di Cristo che è in noi o cedere alle lusinghe del mondo, allontanandoci dalla nostra vera essenza.

Buona scelta a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 5 Giugno 2022 – don Fabio Rosini
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2022