Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Gennaio 2021

40

TU CHI SEI?

E’ la domanda che i sacerdoti ed i leviti fanno a Giovanni Battista, uno “ strano personaggio “, vestito di peli di cammello, che mangiava locuste e miele selvatico e che….non solo si era messo a battezzare nel Giordano ma, addirittura, aveva molti discepoli!!!

Chi sei, dunque?

Nella sua risposta c’è tutta la la grandezza del precursore.

Poteva approfittare del suo “ momento di gloria “, dire di essere Elia o addirittura il Cristo ma lui, in maniera onesta, “ confesso’ e non nego’ “ .

Riconobbe di non essere né Elia né Cristo ( “ il profeta “ ) e si defini’ cosi’: “ Io sono una voce che grida nel deserto: Rendete dritta la via del Signore “.

Vediamo cosa dice a noi questa pagina.

Giovanni è un testimone.

Qual è il compito di un “ testimone della luce?

Vivere una vita improntata sulla “ luce della fede “, sulla “ luce della Parola “.

Il tutto per essere credibile e far si che tutti possano credere per mezzo di lui.

E’ un messaggio universale, valido per tutti i cristiani.

E, allora, la domanda viene a me, a te, a noi.

E’ personale.

Fabrizio, Antonio, Luisa, “ tu chi sei?

Anche noi, come Giovanni, a questa domanda dovremmo prontamente rispondere: “ siamo  testimoni di Cristo nei luoghi della nostra quotidianità “.

Lo siamo realmente?

Analizziamoci con attenzione chiedendoci: i nostri atteggiamenti, i nostri modi di pensare, di agire, sono conformi a quelli del Vangelo?

Se la risposta sarà affermativa saremo “ testimoni credibili “, ed, in tal modo, riusciremo a mostrare a chi ci circonda che non è utopico pensare di poter vivere alla sequela del Vangelo ma che, al contrario, è bello, ed è l’unico modo per dar senso, gusto, all’esistenza.

In mancanza…non perdiamoci d’animo ma impegniamoci di più a fare spazio a Dio nella nostra vita e, a mano a mano, la sua Parola ci forgerà, rendendoci, nel tempo, suoi annunciatori.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello