Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 19 Maggio 2020

40

Il passo evangelico proposto dalla liturgia odierna ripropone una tematica che ha già connotato diversi testi letti nei giorni scorsi: la venuta del Paraclito, lo Spirito di Verità.

Ci avviciniamo a Pentecoste, e, quindi, cerchiamo di soffermarci sul “ grande dimenticato “ della SS. Trinità, riscoprendone la sua importanza fondamentale nella vita dei cristiani.

Lo Spirito è relazione d’amore tra Padre e Figlio e, quindi, anche tra il Padre e noi figli.

Come ha detto brillantemente Don Fabio Rosini nella sua omelia di Domenica scorsa, è colui che ti consente il passaggio dall’ “ osservare i comandamenti “ all’ “ amare i comandamenti “ poiché ti fa comprendere che il mettere in pratica, nella tua vita, le Parole che il Signore ti ha donato, non è rispettare un precetto imposto dall’esterno bensi’ l’unico modo per essere felice.

E’ quindi indispensabile questo Paraclito, lo Spirito di Verità che ci sta sempre accanto.

La sua venuta produce effetti portentosi, perché la Verità scoperchia la menzogna.

Lo Spirito, infatti, “ dimostrerà la colpa del mondo riguardo al peccato, alla giustizia e al giudizio “.

Fermo la mia riflessione, per sintesi, sul primo di questi tre aspetti.

Riguardo al peccato perché non credono in me “.

E’ la causa di tutti i mali da cui è afflitto il mondo.

Proprio pochi giorni fa abbiamo letto la pagina evangelica ( Gv 15,1-8 ) in cui Gesu’ ci diceva “ senza di me non potete fare nulla “.

Il mondo moderno ha rovesciato questa logica e ci propina un modo di vivere “ senza Dio “, fondato sull’esaltazione del peccato fatto passare come un qualcosa di bello, appagante, rispetto alla “ noiosa “ e retrograda osservanza dei comandamenti.

Stiamo attenti a non cadere anche noi cristiani in questa logica, da cui è facile essere attratti anche grazie ai quotidiani bombardamenti mediatici che riceviamo

Invochiamo sempre lo “ Spirito di Verità “ e non lo “ Spirito di mondanità “.

Lui ci è sempre accanto e ci guiderà a non commettere il grande peccato a cui vuole indurci il mondo: “ non credere in Dio “.

Buona giornata a tutti.


Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 19 Maggio 2020
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 19 Maggio 2020