Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 19 Giugno 2020

130

Vi daro’ ristoro

E’ quanto ci promette il Signore in questa giornata, in cui la Chiesa celebra la Solennità del Sacro Cuore di Gesu’.

Ristoro significa “ sollievo “.

Il Maestro ci promette quindi di “ sollevarci “ dalla nostra stanchezza, dalle nostre “ oppressioni “.

Gesu’ ci conosce e sa che spesso affanniamo dietro ai problemi della quotidianità, dietro alle tante incombenze, sentendoci stanchi ed oppressi.

Lui ci indica come trovare ristoro dicendoci: “ venite a me “.

Sta indicando la strada a me, a te, a noi: non agitiamoci come la celebre “ Marta “ nel racconto delle due sorelle ma comprendiamo bene quali sono le priorità nella nostra vita.

Se “ andiamo a lui “, gli doniamo le primizie del nostro tempo, creiamo una relazione, sappiamo che non ci farà mancare nulla perché, come diceva il Vangelo di ieri, lui sa già “ cio’ di cui abbiamo bisogno “.

Affidarsi a lui cambia il nostro sguardo.

Non spariscono miracolosamente gli affanni del vivere quotidiano ma si ridimensionano perché si acquisisce la consapevolezza che lui è con noi, ci ama e non ci farà mancare nulla.

Vivendo cosi’, veramente il “ giogo “ sarà dolce ed il peso dei nostri affanni diverrà “ leggero “, facile da portare, perché lo condivideremo con lui.

Ristoriamoci in Dio, andiamo a lui, mettiamoci cuore a cuore con Cristo e acquisiremo una nuova visione delle cose, che non ci sembreranno più insormontabili bensì affrontabili insieme a LUI.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.