Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 16 Giugno 2021

60

E’ un testo “ molto noto “ quello proposto oggi dalla liturgia.

Solitamente lo si legge il Mercoled’ delle Ceneri in quanto parla dei “ tre pilastri “ della Quaresima, elemosina, preghiera e digiuno.

Letto oggi, durante il “ tempo ordinario “, credo che il messaggio forte che voglia darci è l’invito a non cercare l’apparenza, a non fare il bene come uno specchio per se stessi, come un qualcosa che serve a mostrarsi “ bravi e belli “ agli occhi degli uomini.

La logica di Dio è, come sempre, diametralmente opposta.

Sia che fai l’elemosina, sia che preghi, sia che digiuni, fallo nel “ segreto “.

Apparenza e segreto.

Sono due antipodi.

Sono due modi di essere e di vivere.

Il primo serve per piacere agli uomini, il secondo per piacere a Dio.

Chi fa per “ essere guardato “ ha già ricevuto la “ sua ricompensa “, che si limita ad uno sguardo di ammirazione degli uomini.

Chi fa “ nel segreto “ non sarà ammirato dagli uomini, non riceverà sorrisi a trentadue denti, ma sarà ricompensato addirittura dal Signore.

Guardando il mio modo di agire potro’ rendermi conto di quale ricompensa vado in cerca.

Se è quella degli uomini questa pagina è un meraviglioso invito alla conversione.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 16 Giugno 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 16 Giugno 2021