Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 15 Settembre 2020

116

Stavano presso la croce di Gesu’ sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala “.

Il Vangelo di oggi si apre con un’azione bellissima compiuta dalle donne: “ stare presso la croce “.

E’ un’indicazione spirituale fortissima per noi cristiani.

Per verificare, realmente, la nostra adesione a Cristo, dobbiamo infatti porci una domanda: “ so stare presso la croce? “ o, davanti alle “ croci “ della mia vita vado via, cerco di scappare perché fanno male, sono scomode, richiedono impegno e perseveranza?

Diciamocelo chiaramente: fare i “ cristiani da salotto “ non è difficile ma “ essere cristiani veri “, che, nel momento del dolore, della difficoltà, restano saldi in Cristo, certi che la croce non è una maledizione ma è il modo di esprimere totalmente il proprio amore, è un’altra cosa, è l’aver compreso che per vivere il tutto di Cristo ( la Risurrezione ) bisogna passare attraverso il come di Cristo ( la Croce ).

Un grande aiuto a non cedere dinanzi alla croce può darcelo Maria, che, nell’infinito dolore che sta provando, sta li, non si muove.

In quel momento Cristo ci viene in aiuto: ci affida alla Madre.

E si, perché quando il Signore, morente, dice a Maria e al “ discepolo che amava “: ecco tuo figlio, ecco tua madre, fa un atto di affidamento della Madonna a ciascuno di noi.

Quel “ discepolo che lui amavasono io, sei tu, perché Cristo ha amato ed ama ogni uomo e per la Redenzione e la Salvezza di ciascuno è morto in Croce ed è poi Risorto per dimostrare che la morte non ha l’ultima parola.

Ci sta dicendo, con quel gesto: la croce va affrontata, va attraversata, non fuggita, perché solo essa conduce alla Resurrezione.

Affidati a Maria e, grazie alla sua intercessione, riuscirai in cio’ che sembra umanamente impossibile.

E, allora, non spaventiamoci, ma abbandoniamoci a Maria, facciamo nostro il suo agire, e, sul suo esempio, riusciremo a “ stare “ nelle nostre croci e ad “ attraversarle “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello