Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 15 Maggio 2022

41

- Pubblicità -

“ Vi dò un comandamento nuovo “.

Gesu’ è portatore di novità, aggiunge una parola ai “ comandamenti “ già noti, dà loro compimento.

Questo è un aspetto importante: Gesu’ non viene ad abolire tutto cio’ che c’è stato prima di Lui, vine solo ad aggiungere, a dare una Parola in piu’ fondamentale per la nostra vita spirituale.

Qual è questo “ undicesimo comandamento “?

“ Che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, cosi’ amatevi anche voi gli uni gli altri “.

Il comandamento nuovo è: AMA, ma AMA “ come io ho amato voi “.

E come ha amato Gesu’?

- Pubblicità -

Da cosa si distingue il suo modo di amare da quello nostro?

Ce lo dice lo stesso evangelista Giovanni in un altro passo ( Gv 15, 13 ): “ Nessuno ha un amore piu’ grande di questo: dare la vita per i propri amici “.

Amare è “ dare la vita “.

Dare la vita non significa, necessariamente, farsi ammazzare per un altro.

Gesu’ lo ha fatto per la nostra Salvezza ma…non sempre è cosi’!!!

Dare la vita significa dare la tua energia vitale, dare il meglio di te, mettere le tue abilità a servizio degli altri.

Amare come Cristo ci ha amati significa amare di un amore che si fonda sulla “ responsabilità “ e non sulla “ reciprocità “.

Ecco la differenza tra l’amare come ama Cristo e amare come amiamo noi.

Il nostro concetto di amore si basa sulla “ reciprocità “.

Io sono gentile, io sono disponibile MA…IN CAMBIO pretendo che anche tu lo sia con me.

Se non c’è questo contraccambio non sono piu’ né gentile né disponibile.

Trasformiamo l’amore in un “ do ut des “.

Questo non è amore, è commercio!!!

L’amore di Dio si basa sulla “ responsabilità “.

Io ti amo, io mi metto a disposizione perché so che con quel mio intervento, con quel mio aiuto, tu starai meglio.

La mia gioia, la mia “ ricompensa “, sta nel vederti felice e non nell’avere il contraccambio.

E’ un’altra logica, che ci spinge ad una conversione radicale.

Buona Domenica e buona conversione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Giovanni Imbonati – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2022 – Diocesi di Vicenza
Articolo successivodon Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2022