Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 14 Luglio 2020

208

Anche oggi Gesu’ è duro!!!

Se ieri ci aveva detto di essere venuto “ a portare divisione “, ci aveva chiesto di fare una “ scelta netta “ in suo favore, di dedicargli “ il primo posto “, oggi ci avverte delle “ conseguenze “ che subiremo se non gli daremo ascolto.

Guai a te “ dice il Maestro.

Ma Gesu’, cosi’ come ieri, non vuole spaventarci, ma solo invitarci a prenderlo sul serio e a fare, consapevolmente, le nostre scelte.

Ci chiede di affinare lo sguardo, di prendere, finalmente, atto dei molteplici prodigi che, quotidianamente, compie nelle nostre vite e di “ cambiare “ il nostro modo di pensare, di agire, sulla scorta di questi “ prodigi “.

Non ci vuole minacciare Gesu’.

Ci vole solo mettere in guardia, cosi’ come fa ( o, meglio, dovrebbe fare ) un buon padre quando vede che i figli stanno rendendo “ strade sbagliate “.

Per “ convertirsi “ è però necessario accorgersi dei “ prodigi “ e, per farlo, ci vuole intimità con Cristo, lettura e meditazione quotidiana della Parola, frequentazione assidua dei sacramenti, soprattutto dell’Eucarestia.

In mancanza non può avvenire alcun cambiamento perché saremo sempre presi da altro, condannandoci da soli, sin da ora, per il momento più importante della nostra vita: “ il giorno del giudizio “.

Convertiamo quindi le nostre vite….Gesu’ ci ha avvisato e, come dice un noto proverbio, “ uomo avvisato, mezzo salvato “.

A ciascuno di noi il compito di compiere scelte che gli permettano di conquistare “ l’altra metà di salvezza “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.