Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 14 Giugno 2021

53

E’ un cambio radicale di mentalità quello che ci chiede Gesu’.

Questo, in estrema sintesi, ci dice il testo evangelico odierno.

Occhio per occhio e dente per dente “.

E’ la famosa legge del taglione, che, nella nostra società, fondata su un “ ipergarantismo “ ormai degenerato in “ impunità assicurata per gli imbroglioni “, sembra davvero ESAGERATA.

Eppure detta norma, di cui sembra essersi trovata traccia, per la prima volta, nel famoso codice di    Hammurabi ( XVIII secolo a.c. ), era “ garantista “ in quanto stabiliva un criterio di proporzionalità nella vendetta privata, al fine di evitare che quest’ultima degenerasse in “ faida familiare “.

Ma non basta.

Per Gesu’ non è sufficiente.

L’impronta cristiana non si fonda sul rispetto del criterio di proporzionalità ma sul comandamento dell’amore senza ma e senza se, su quell’amore disarmato e disarmante che ti porta a porgere l’altra guancia non perchè sei scemo, sei rammollito, bensi’ perché riconosci nell’altro il volto di tuo fratello e, quindi, quello di Cristo.

E’ difficile, sembra quasi impossibile, ma è quello a cui, a termine di un lungo cammino di conversione, dobbiamo tendere.

Dobbiamo mirare ad essere diversi, ad essere testimoni della possibilità dell’esistenza di un altro modo di essere e di relazionarsi con gli altri, al punto tale da spingere le persone che Cristo pone sulla nostra strada a porsi dei dubbi sul loro comportamento, a valutare un approccio diverso.

Ma se anche cio’ non succede, non fa nulla, continuiamo a “ dare a chi ci chiede “, a “ porgere l’altra guancia “, a “ prestare a chi ci domanda “, perché è questo modo di agire che ci rende umani nonché cristiani veri.

Buona giornata e buona settimana a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2021
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2021