Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 13 Dicembre 2021

68

Con quale autorità fai queste cose? E chi ti ha dato questa autorità?

Mi sembra di vederli, questi sacerdoti ed anziani, che, in modo arrogante, a muso duro, fanno la domanda a Gesu’.

E’ l’arroganza del potere.

E’ l’arroganza di chi si sente superiore.

Ma gli arroganti, e questo avviene anche oggi, sono tali perché non hanno argomenti.

Chi accusa gli altri, chi alza la voce in una discussione, è perché non ha argomenti per sostenere le proprie tesi o per confutare quelle altrui.

Utilizza il potere, la sua posizione, per coprire il suo vuoto e per schiacciare il suo interlocutore.

Il suo “ gioco “ si rompe, però, quando il suo interlocutore è “ preparato “, è nella Verità e riesce a smascherarlo “ utilizzando il suo stesso sistema “.

Il battesimo di Giovanni da dove veniva? Dal cielo o dagli uomini ?

Bene, dice Gesu’ ai sacerdoti e agli anziani, voi che avete studiato, che avete autorità, rispondetemi a questa domanda e, poi, parlero’ io.

Parlate prima voi, che sapete, che siete potenti!!!

Gesu’ li ridicolizza.

E loro…..tacciano, capiscono di essere stati smascherati e sono costretti alla resa: “ Non lo sappiamo “.

La loro “ falsa autorità “ non gli ha consentito di capire con quale “ vera autorità “ parla Gesu’: quella che deriva dalla Verità, cioè da Lui stesso, che è la Verità.

Per noi oggi resti questo messaggio: nessuna presunta “ autorità terrena “ puo’ farci paura, puo’ intimidirci, puo’ zittirci se parliamo un linguaggio di Verità e se agiamo in conformità con la Verità contenuta nel Vangelo.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 13 Dicembre 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 13 Dicembre 2021