Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 13 Aprile 2022

63

- Pubblicità -

Anche oggi, cosi’ come ieri, è Giuda il “ protagonista “ del Vangelo.

Anche il testo di Matteo ricalca il particolare del “ buio “, utilizzando l’espressione “ Venuta la  sera “.

Il tradimento si consuma di sera, quando il buio, il peccato, è ormai dentro l’apostolo.

La domanda che però risuona di piu’ è quel “ Sono forse io? “.

Ecco cosa siamo chiamati a chiederci in questo Mercoledi’ della Settimana Santa.

Sono forse io che ti ho tradito, ti tradisco e ti tradirò?

Se siamo onesti dobbiamo eliminare quel “ forse “ e riconoscerci in colui il quale, con i suoi atteggiamenti, il suo modo di agire, ha tradito piu’ volte il Signore.

- Pubblicità -

Quel “ Tu l’hai detto “ è, probabilmente, la risposta che riceveremmo anche noi se formulassimo la stessa domanda degli apostoli a Cristo.

E allora, che dobbiamo fare?

Semplice, chiedere perdono per il passato, con il quale bisogna solo fare pace, certi che il Signore, nella sua infinita Misericordia, ce lo concederà, iniziare a vivere il presente in un modo diverso, abbandonandoci fiduciosi agli insegnamenti della Parola, e aprirci al futuro, sicuri che sarà pieno di senso se vissuto in Cristo.

Cosi’ facendo, alla domanda di Gesu’ potremmo, forse, in futuro, rispondere: “ No, Signore, non sono io a tradirti “.

Sarà la nostra Pasqua.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 13 Aprile 2022