Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 12 Marzo 2021

97

Non sei lontano dal Regno di Dio “.

Lo scriba della parabola….” riabilita la categoria “!!!

Spesso, infatti, nel Vangelo, si incontrano questi “ dotti ebrei “ che interrogano Gesu’ solo per  “ metterlo alla prova “ e per cercare di farlo cadere in contraddizione.

Non sono minimamente aperti alla novità di Cristo e del Vangelo.

Sono chiusi nel loro ritualismo e vedono di cattivo occhio chi vuole scardinare la “ falsa immagine di Dio “ che si sono costruiti e che predicano.

Il Signore, secondo i loro insegnamenti, è un “ potente “ che va “ ingraziato “, in una logica di “ do ut des “, con “ olocausti e sacrifici “.

Il concetto alla base della loro religiosità è, in estrema sintesi: io ti offro sacrifici e tu mi dai cio’ che ti chiedo.

Lo scriba del Vangelo di oggi, invece, comprende perfettamente il messaggio di Cristo.

Quando afferma che “ amare Dio e il prossimo vale più di tutti gli olocausti e sacrificisi  converte dalla logica dello scambio alla logica dell’amore.

Per questo Gesu’ gli dice che non è lontano dal Regno di Dio.

Da dove nasce la “ logica dell’amore “?

Dall’ASCOLTO.

Vediamo che, nella parabola, Gesu’, nel rispondere alla domanda su quale fosse il primo dei comandamenti, non inizia dicendo: “ Ama Dio e il prossimo “ ma: “ Il primo è: Ascolta Israele “.

Cio’ significa, e questo è l’insegnamento per tutti noi, che non può esistere Amore se esso non è preceduto dall’Ascolto.

Se non dedico uno spazio, un tempo quotidiano all’ascolto della Parola, alla sua meditazione, non potrò mai amare né Dio né i fratelli in quanto non avrò fatto mio il “ come “ di Cristo.

Solo vivendo il “ come “ del Maestro, solo uniformando, per scelta libera, liberante e consapevole, il mio “ modus vivendi “ a quello di Gesu’, potro’ vivere il comandamento dell’Amore, che nient’altro è che il miglior consiglio per una vita piena e felice.

Mi chiedo quindi oggi: “ Sono lontano dal Regno dei cieli? “.

A ciascuno la sua risposta.

Un’annotazione: gli strumenti per misurare la “ vicinanza “ o la “ lontananza “ dal Regno si chiamano “ Ascolto e Amore “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 14 Marzo 2021 – S.E. Mons. Mario Russotto
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 12 Marzo 2021