Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 10 Maggio 2022

65

- Pubblicità -

“Fino a quando ci terrai nell’incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente “.

I Giudei vogliono ulteriori conferme da Gesù.

Sei veramente chi dici di essere?

Il loro atteggiamento è…come il nostro.

Siamo sempre incerti, vogliamo sempre essere rassicurati, avere conferme su conferme.

Mi chiedo: ma di cosa abbiamo ancora bisogno?

“Le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me “.

- Pubblicità -

Chiaro???

Fermiamoci oggi e chiediamoci: le riconosco le opere che Dio ha compiuto e compie nella mia vita?

Se la risposta è positiva smettiamola di continuare a chiedere conferme, a perdere tempo in queste oziosità ma lasciamoci abbracciare da Dio e annunciamolo a tutti.

Se la risposta è negativa dobbiamo davvero interrogarci e chiederci: vuoi vedere che non faccio parte delle “ pecore “ del Signore perchè non ascolto la sua voce, e, quindi, di conseguenza, non sono in grado di cogliere le tracce evidenti della sua presenza nella mia vita?

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022