Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 10 Luglio 2021

34

Nascosto, conosciuto “; “ Riconoscerò, rinneghero’

Su questi termini opposti si concentra il Vangelo di oggi.

NASCOSTO – CONOSCIUTO

Spesso ci “ nascondiamo “.

Anche se abbiamo fede, anche se abbiamo incontrato Cristo, lo teniamo per noi, osiamo “ sussurrarlo solo nell’orecchio “ ad altre persone “ della nostra cerchia “, che frequentano la parrocchia, che vengono a Messa.

Ci vergogniamo, ci imbarazziamo di dirlo a tutti perché…è fuori moda, ci diranno che siamo dei “ fissati “, dei “ bigotti “, delle persone che vanno ancora “ dietro a queste cose “.

Questa pagina ci invita a cambiare, ad “ annunciare sulle terrazze “, a gridare a squarciagola che abbiamo incontrato Cristo e che la nostra vita ha preso gusto, sapore.

Il tutto senza avere paura degli uomini perché, come dice il Maestro, “ non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo ma non hanno il potere di uccidere l’anima “.

Non consentire mai a nessuno di farti uccidere l’anima, la tua essenza, ma gridala, falla venir fuori.

La fede è annuncio, non puo’ restar chiusa nelle sacrestie!!!

RICONOSCERO’-RINNEGHERO’

Chi rinnega è ancora peggiore di chi “ si nasconde “.

Se quest’ultimo continua a professare la propria fede anche se non ha il coraggio di farsi diffusore della sua bellezza, chi “ rinnega “, cioè dice NO a Dio per paura, fa una cosa gravissima: rinuncia a Cristo, si adegua alle logiche dilaganti del mondo pur di piacere agli uomini.

Attenzione.

Se ci riconosciamo tra coloro i quali hanno rinnegato Cristo non abbiamo un secondo da perdere: dobbiamo CONVERTIRCI SUBITO.

Il rischio che si corre è gravissimo: essere rinnegati da Cristo, cioè sentirsi dire, quando saremo faccia a faccia con Lui: “ Io non ti conosco “.

E’ la dannazione eterna.

Aneliamo a questo?

Pensiamoci oggi.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 11 Luglio 2021 – don Giovanni Berti (don Gioba)
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2021