Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 1 Giugno 2022

62

- Pubblicità -

Custodire.
E’ il verbo piu’ utilizzato nel testo odierno.
Il cristiano è chiamato a “ custodire la Verità “ e a “ diffonderla nel mondo “.

Il Signore ci custodisce nella nostra missione, nessuno di noi andrà perso se svolgerà il suo compito.
Il mondo ci odierà, ci perseguiterà.
Niente di nuovo sotto il sole.
Hanno fatto lo stesso con Gesu’.
Non arrendiamoci dunque perché siamo “ consacrati nella Verità “.

Che significa?
Consacrarsi vuol dire “ dedicarsi con passione ad una cosa, ad un compito “.
La Verità che Cristo è venuto a portare sulla terra è la “ Rivelazione del Padre “, che si manifesta nelle opere che il Figlio compie, negli insegnamenti che impartisce.
Oggi, che Cristo ha terminato la sua missione terrena, questa Rivelazione è contenuta nella Parola, nella Sacra Scrittura.

E’ “ consacrato alla Verità “, pertanto, chi si dedica con passione alla diffusione della Parola, alla diffusione della buona notizia, nella certezza che, cosi’ facendo, sarà odiato dal mondo ma non andrà perduto perché resterà sempre sotto la custodia del Padre.
Svolgiamo pertanto senza paura la nostra missione.

Dio è con noi.
Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 1 Giugno 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 1 Giugno 2022