Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 7 Giugno 2022

71

- Pubblicità -

“né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa”

Perché accendiamo le luci? Per vedere chiaramente l’ambiente intorno a noi, così da sapere dove mettere mani e piedi. Il giorno del nostro Battesimo è stata accesa una luce in noi affinché si vedesse chiaramente la nostra appartenenza. Crescendo, la responsabilità di quella luce è stata affidata a noi.

Siamo noi, accompagnati dalla Grazia, a tenerla viva con i nostri pensieri, parole ed opere. Ma questa responsabilità comporta anche il tenere fuori tutto ciò che offusca questa luce, cioè tutto ciò che non è per il nostro bene e che ci ruba la vita anziché arricchirla. Chiediamo al Signore di aiutarci a custodire la nostra luce, per essere a nostra volta luce nel mondo.

Buona giornata!


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 7 Giugno 2022