Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 6 Giugno 2021

63

Ci sono tante bellissime catechesi sulla solennità di oggi e se ne potrebbero fare ancora tante altre, ma ciò che conta poi è lo sguardo che abbiamo sul dono immenso che l’umanità riceve da ormai duemila anni a questa parte. Io come vedo l’Eucarestia quando faccio la Comunione? Come la vedo soprattutto nella mia quotidianità?

Sì perché non è qualcosa che si esaurisce con il finire della Messa ma che prosegue in tutta gli ambiti della nostra vita. Per carità, sarebbe già tantissimo avere questa consapevolezza dentro la Messa, perché l’impressione che spesso si ha è che non sia così già da prima di accostarsi a questo Sacramento. Penso al momento del dono della pace, quando tanti nemmeno si guardano negli occhi, proprio ora che si può fare solo quello.

O alle corse per aggiudicarsi i primi posti durante la Comunione o prima di entrare in chiesa, soprattutto da quando all’esterno si fa la fila. Mi chiedo se abbiamo, me per primo, veramente chiaro cosa professiamo, cosa sia la Messa e cosa accada durante quell’ora in cui siamo radunati. Oserei dire che se fosse così, probabilmente ci sarebbero meno atei perché quando ti scopri amato al punto di valere tutto, questo si riflette nella tua vita e si verifica un cambiamento di atteggiamento, di mentalità, di priorità. Ma soprattutto si fa spazio nel tuo cuore e diventi a tua volta capace di donare più di quanto tu stesso potessi pensare.

“Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?””. Il Signore ci chiede ospitalità affinché dentro e fuori di noi possa essere veramente Pasqua. Personalmente Gli risponderei:”È qui la Tua stanza, Signore. Ma ho bisogno di Te per rimetterla a posto”.

Ecco, chiediamo questo al Signore: di aiutarci a preprarGli un posto raddrizzando ciò che è storto e rimettendo ordine là dove c’è confusione, affinché possiamo festeggiare con Lui e di gustare già da ora quella pace che vivremo in eterno. 

Buona giornata e buona solennità del Corpus Domini.


AUTORE: Fabrizio Francesco CampusSITO WEB TELEGRAM

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 6 Giugno 2021
Articolo successivoMt 5, 1-12