Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 30 Aprile 2020

224

“Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato…”

La frase di Gesù, con cui si apre il Vangelo di oggi, ci dà l’idea di come funzioni la fede. Essa non funziona per convincimento, ma per attrazione. È l’incontro tra l’infinita libertà dell’uomo e l’infinito Amore di Dio per i Suoi figli.

Gesù non è mai venuto a venderci un’idea ma a testimoniare Qualcuno, a dare se stesso come prova del Suo Amore per noi. Si può provare in tutti i modi a convincere una persona di questo, ma se non c’è la decisione di accogliere questo Amore e se non si lascia fare al Padre, non c’è nulla da fare. E noi che c’entriamo in tutto questo? Siamo chiamati a essere segno di questo Amore, canali di questa attrazione.

Questo significa annunciare il Vangelo. Il Signore non si stanca mai di provare ad attirarci a Sé e ciò è consolante, ma non può esserci solo consolazione per noi. Siamo anche chiamati a essere, appunto, canali, testimoni di questa attrazione. Questo è ciò che ci rende vivi davvero e questa vita la si può ricevere solo accogliendo a nostra volta il Pane che discende dal Cielo.


Fonte

AUTORE: Fabrizio Francesco Campus
FONTE: Sito web
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER